Search

Prova di resilienza con metodo Charpy

ISO 179, ISO 180, ASTM D 256

La prova di resilienza Charpy è una prova di impatto che viene utilizzata nei laboratori industriali ed accademici per attività di controllo qualità (QC) e ricerca e sviluppo (R&D) allo scopo di misurare la capacità di un materiale polimerico a resistere agli urti.

La prova di resilienza consiste nel misurare l’energia necessaria per rompere, con un unico colpo, una provetta del materiale in esame.

Un materiale capace di resistere a forze dinamiche applicate in tempi brevissimi viene caratterizzato come resistente e provvisto di una buona tenacità. In caso contrario, è fragile.

Resilienza-Charpy-Amse

Pendolo di Charpy

Resilienza-Charpy-02

La prova di resilienza Charpy viene effettuata grazie all’utilizzo di una macchina prova materiali nota come Pendolo Charpy, dal nome dell’ingegnere e scienziato francese Georges Augustin Albert Charpy, che nel XIX secolo la ideò, progettando in questo modo uno strumento utilizzato ancora oggi per la sua semplicità ed efficacia di esecuzione.

Il Pendolo Charpy si compone delle seguenti parti:

  • una mazza oscillante (di peso diverso in relazione all’intensità di impatto che si vuole applicare)
  • una morsa che tiene fermo il provino
  • un freno manuale
  • un misuratore di resilienza (analogico oppure a display, in relazione al tipo di modello)

La prova di resilienza Charpy viene eseguita su una barretta a sezione quadrata, intagliata nella sua metà al fine di facilitarne la rottura. I tagli applicati sono a forma di U nel caso di materiali polimerici ed a forma di V per i materiali ferrosi.

Dopo avere posizionato il provino nell’apposito alloggiamento, con l’intaglio rivolto dal lato opposto alla mazza, si sgancia la mazza che

  • scende per gravità dall’alto
  • urta contro il provino
  • continua la sua corsa, risalendo fino ad una determinata altezza.

La differenza fra l’energia posseduta dal pendolo all’inizio della sua corsa e l’energia posseduta nella posizione finale è pari al lavoro assorbito dal provino nell’urto e fornisce un’indicazione precisa del grado di resilienza del materiale a campione.

Metodo Izod
Le prove di resilienza possono essere eseguite anche con un altro metodo di prova: il metodo Izod. Nei test di prova eseguiti con questo metodo, il provino è bloccato dalla morsa in posizione verticale anziché orizzontale come avviene con il metodo Charpy. Il provino inoltre, viene rotto da una singola oscillazione della mazza del pendolo. In entrambi i casi viene sempre utilizzato il Pendolo Charpy, detto anche Pendolo Charpy & Izod. 

Gamma di prodotti

Amse S.r.l., azienda specializzata nella fornitura di macchine e strumenti di prova materiali propone una gamma completa di Pendoli Charpy in base al range di energia necessario o al metodo di prova preferito (Charpy o Izod).

resilienza-charpy-03

Pendolo Charpy XJJ/XJU

La versione XJJ/XJU è dotata di indicatore analogico per la lettura  dell’ energia assorbita.

resilienza-charpy-04

Pendolo Charpy XJJD/XJUD

Questa versione dispone di un display digitale che permette l’impostazione dei parametri di prova, la calibrazione automatica per tener conto delle perdite di energia dovute agli attriti e la lettura dei risultati finali.

resilienza-charpy-05

Pendolo Charpy Multi Impact

La versione Multi impact permette l’esecuzione dei test di prova senza dover cambiare morsa e mazza grazie ad un design unico della morsa del supporto provini e della mazza “all in one”. Questa versione è dotata anche di  Touch Screen da 8” a bordo macchina e di porta di  comunicazione RS232 per interfaccia a PC.

Assistenza e supporto

Amse S.r.l. è garanzia anche di un servizio qualificato di Consulenza prevendita, Taratura e verifica, Manutenzione: su richiesta dei nostri clienti forniamo servizi periodici di verifica e di calibrazione, eseguiti con strumenti tracciabili e con rilascio di certificato finale. Inoltre offriamo vari tipi di interventi e/o contratti di manutenzione preparati sulla base delle Vostre esigenze.

Grazie inoltre alla costante attività di ricerca e di aggiornamento tecnologico, siamo in grado di offrire un servizio di consulenza orientato alle specifiche esigenze di prova, indicando i sistemi strumentali più adeguati per supportare la crescita dei nostri clienti sul mercato.

Richiedi Informazioni

AMSE Srl

Strada della Cebrosa 86
10156 Torino (TO) - Italia

Telefono: +39 011 2730000
Fax: +39 011 2740458
E-mail info@amse.it

Contattateci per conoscere i riferimenti del nostro Agente di zona più vicino alla vostra sede.

Informazioni e assistenza

telefono-coda

E-mail info@amse.it