Search

AMSE Environmental Stress Cracking (ESCR)

L’Environmental Stress Cracking è la causa più comune di rottura dei manufatti in plastica.

L’ESC può essere definito come l’accelerazione dello stress cracking dovuta al contatto con un fluido (liquido o vapore, per esempio soluzioni caustiche sul polipropilene) o con agenti “rigonfianti” senza degradazione chimica.

Il meccanismo è puramente fisico. Le interazioni tra il fluido, lo stress e il polimero comprendono: uno snervamento locale con assorbimento localizzato del fluido, una plasticizzazione della zona con formazione delle cricche, la crescita delle cricche e la corrispondente frattura del materiale senza variazioni chimiche irreversibili.

L’apparato è conforme alla normativa ASTM D 1693.

ESCR (Environmental Stress Cracking Resistance) esprime il numero di ore dopo le quali il 50% dei provini in prova generano  cricche.

Il test consiste nel prendere un certo numero di provini che, dopo essere stati intagliati, vengono piegati a 180° ed immersi in un reagente mantenuto a temperatura costante.

 

Per avere maggiori informazioni su questo prodotto, compila il modulo di richiesta online a fondo pagina.

 

 

Richiedi Informazioni

Per avere maggiori informazioni su questo prodotto compila il modulo on-line a seguire

AMSE Srl

Strada della Cebrosa 86
10156 Torino (TO) - Italia

Telefono: +39 011 2730000
Fax: +39 011 2740458
E-mail info@amse.it

Contattateci per conoscere i riferimenti del nostro Agente di zona più vicino alla vostra sede.

Informazioni e assistenza

telefono-coda

E-mail info@amse.it